C'era una volta - Annunci il Mercatino: Vendita case, auto, lavoro e altro

C'era una volta

Gli angeli

La parola angelo deriva dal greco antico anghelos e significa “annunziatore”. L’angelo è una creatura di Dio, puro spirito e intelligente. La Chiesa indica nove ordini o cori angelici disposti in tre gerarchie. Alla prima appartengono i Serafini, i Cherubini e i Troni (che sono quelli che in Paradiso contemplano e glorificano Dio); alla seconda appartengono le Dominazioni (gli angeli operanti), le Virtù (angeli che compiono miracoli) e le Potenze (angeli che combattono contro gli spiriti infernali); fanno parte della terza gerarchia i Principati (che provvedono ai popoli), gli Arcangeli (che compiono le più grandi missioni a favore dei popoli) e gli Angeli “semplici” (gli angeli custodi delle persone). Gli angeli ribelli furono quelli che superbamente volendo essere simili Dio, furono precipitati nell’abisso degli inferi: anche Lucifero, il cui nome significa “apportatore di Luce”, ovvero il Demonio, apparteneva alla schiera degli angeli ribelli. Gli arcangeli sono sette e non tre, come si crede comunemente. Essi sono: Michael, Gabriel, Raphael, Anael, Samael, Sachiel, Cassiel. I tre più noti: Michele è l’angelo della giustizia; Gabriele è il messaggero di Dio; Raffaele significa “Dio guarisce”: cura le malattie ed è protettore dei medici. A protezione contro Lucifero e gli angeli ribelli esiste l’esorcismo di san Michele Arcangelo: San Michele Arcangelo, difendici nella battaglia, contro la malvagità e le insidie del diavolo, sii nostro aiuto. Ti preghiamo supplici: che il Signore eserciti il suo dominio su di lui! E tu, principe delle milizie celesti, con la potenza che ti viene da Dio, ricaccia nell’inferno Satana e gli altri spiriti maligni, che si aggirano per il mondo a perdizione delle anime. I sette arcangeli sono raffigurati a Termini Imerese negli affreschi della chiesa di Santa Caterina d’Alessandria. 

Salvatore Mantia